Vedi Carrello “MaracaS secondo me, di Emilio Sabbatini” è stato aggiunto al tuo carrello.
la ruta del café
progetto Jamao

La Ruta del café

10,00 IVA inclusa

LA RUTA DEL CAFE

Giovanni Santi (fotografie) e Andrea Semplici (testo).

Terre di Mezzo Editore.

Una storia della comunità dei produttori di caffè Jamao.

Disponibile

SKU 115 Categoria

Descrizione prodotto

La Ruta del Cafè è la storia di una comunità di contadini produttori di caffè della provincia di Salcedo, fra le più povere della Repubblica Dominicana, che ha creduto fortemente nella sua terra ed è stata capace di ribaltare il proprio destino, migliorando la qualità del proprio caffè fino ad esportarlo in Europa.

È anche la storia di un progetto di cooperazione che ha convolto istituzioni, esperti, imprenditori, artisti: Nazioni Unite, Cooperazione Italiana, Regione Toscana, Provincia e Comune di Arezzo, Caffè River, Ucodep e Piero Pelù hanno scoperto la gente di Salcedo e il loro caffè.

Giovanni Santi (fotografie) e Andrea Semplici (testo) raccontano questa storia attraverso un percorso originale e affascinante. Il racconto è corredato da alcune schede informative sul progetto e sulla Repubblica Dominicana.

La collaborazione con Oxfam Italia, che ha dato vita al Caffè Jamao, ha rappresentato una notevole esperienza nella collaborazione tra imprese e Organizzazioni Non Governative per un progetto di supporto sociale.

Nell’anno 2000 iniziammo la nostra partnership con Oxfam Italia (al tempo “Ucodep”)  per supportarli nel loro progetto “Vivir la montaña”,  che

vedeva coinvolti molti partner, tra cui la Regione Toscana, la Provincia di Arezzo, il Comune di ArezzoSlow Food.

In quegli anni i coltivatori della Repubblica Dominicana erano stati duramente colpiti dai bassi prezzi del caffè. Essi furono costretti a lasciare le loro montagne in cerca di un futuro migliore, che mai si materializzava. Questo era particolarmente vero per la provincia di Salcedo, una delle aree più povere della Repubblica Dominicana.

Il progetto Jamao

Attraverso il progetto gli agricoltori vennero organizzati, formati e raccolti in un consorzio. Questo produsse un caffè di eccellente qualità con il nome “Jamao“, dal nome di un fiume della zona. Fu caratterizzato da un marchio che richiamava i quattro elementi del progetto: gli agricoltori, il caffè, le montagne, la biodiversità.

La nostra partecipazione fu sia tecnica che commerciale. Collaborammo infatti a definire un disciplinare di produzione. Esso in qualche modo si ispirava a quelli usati in Toscana per la produzione dell’olio di oliva e del vino. Noi apportammo principalmente la nostra conoscenza del caffè e dei sistemi qualità basati sulle normative ISO9000. Inoltre, rappresentammo il solo canale commerciale attraverso il quale il caffè degli agricoltori di Salcedo veniva esportato. Jamao raggiunse infatti l’Europa. Esso diventò conosciuto in Danimarca, dove veniva apprezzato per la sua qualità ed il suo essere biologico ed equo e solidale.

Attualmente tutto il caffè prodotto dagli agricoltori di Salcedo viene consumato localmente. Il maggior controllo che i coltivatori hanno sulla filiera produttiva e l’incremento dei consumi locali hanno fatto sì che non sia neppure necessario esportare il caffè per rendere sostenibile e migliore la vita degli agricoltori.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.