lo stile mini sweetcase
mini sweet case

Mini Sweetcase©

32,00 IVA inclusa

Portazucchero e portatovaglioli di Caffè River, firmato Roberto Giacomucci.

Disponibile

SKU 126 Categoria

Descrizione prodotto

Mini Sweetcase

Sorprendenti possibilità per organizzare nel modo che desideri gli ingredienti che arricchiscono e completano la tua coffee experience e di esporli attraverso un oggetto dal design caldo e raffinato. In mini sweetcase© trovano ordinatamente posto zuccheri e salviette, miele e chissà cos’altro.

Lo stile Caffè River

C’è molto da esplorare oltre il caffè: un’intera nuova esperienza viene creata specificamente prendendosi cura dei dettagli. Forme e colori, materiali e superfici riescono ad esaltare le percezioni ed intrigare le emozioni.

Un prodotto di qualità eccelsa necessita di essere consumato attraverso strumenti di eguale pregevolezza. La coffee experience, coniugata ad una consimile esperienza di stile, diviene un rito. Per la realizzazione dei nostri oggetti ci avvaliamo della collaborazione con designer di provata inventiva. Essi sono concepiti per soddisfare la necessità estetica del consumatore attraverso linee, colori, geometrie della più inappuntabile tersità stilistica.

Questo è il motivo per cui abbiamo intrapreso una serie di collaborazioni con affermati designer.

Nel 2007 avviammo un workshop chiamato Riverberazioni, al quale parteciparono i designer Enrico Azzimonti, Alessandra Baldereschi, Luisa Bocchietto, Marina Bologni, Roberto Giacomucci, Monica Graffeo, Gum Design, Joe Velluto, Lorenzo Palmeri, Alessandra Pasetti, Lucy Salamanca e ZP studio, che progettarono – in collaborazione e competizione tra di loro – una serie di oggetti volti a rendere unica l’esperienza del nostro caffè.

Abbiamo quindi proseguito la collaborazione con Marina Bologni che per noi ha realizzato Flexo e Kylix (9 e 36), e con Roberto Giacomucci che ha disegnato MaracaSSweetcase e Minisweetcase.

MaracaS è stato tra l’altro selezionato più volte per la partecipazione al Premio Compasso d’Oro assegnato dall’ADI, l’Associazione per il Disegno Industriale.

Ti potrebbe interessare…